IL PROBLEMA DELLA DISABILITA’ NEGLI STADI

Standard

di Fabiano Di Stefano

Secondo i dati riportati da CAFE(centre for access to football in Europe), ovvero la più importante associazione che si occupa della libertà di accesso dei disabili alle manifestazioni sportive, in Europa ci sono 80 milioni di disabili, circa il 10% della popolazione, praticamente un europeo su quattro ha un disabile in famiglia, e solo il 50% di questi praticano sport o si recano regolarmente a manifestazioni sportive. Questi dati ci spingono a intraprendere un cammino lungo tutti gli impianti italiani ed europei per comprendere come queste persone diversamente abili si avvicinano allo sport e come vivono la loro passione. Partiamo dal presupposto che queste persone vivono le loro emozioni in maniera più intensa e viscerale, quindi hanno il diritto di essere facilitati e agevolati nel viverle. Il nostro cammino inizia nell’esaminare come avvengono le procedure legate all’ingresso dei disabili all’interno dello Stadio Olimpico di Roma.

Per ciò che concerne l’aspetto pratico, lo stadio Olimpico è uno degli stadi più capienti d’Italia e permette l’ingresso di molti disabili che si stanziano in un lunga passerella situata nel settore Tribuna Tevere. Arrivarci è piuttosto agevole, ci sono le rampe e diversi steward che indicano la strada. Arriviando all’aspetto tecnico e burocratico però, scopriamo che ci sono diverse difficoltà. Per l’acquisto dei tagliandi o la sottoscrizione della tessera del tifoso la questione è regolata dalle singole società di Roma e Lazio, anche se la procedura è molto simile per entrambe le tifoserie. Un appassionato disabile che vuole abbonarsi ed assistere a tutte le partite casalinghe della propria squadra del cuore, deve non solo fare la solita schedatura che prevede questa discutibile normativa, ma deve rilasciare un dettagliato certificato di disabilità dove vengono riportati una quantità spropositata di dati sensibili riguardo la malattia, ovviamente violando il diritto alla privacy e fornendo delle informazioni molto delicate che non avrebbero nulla di strano se specificate per un consulto medico, ma se fornite per assistere ad una partita, risulta un fatto un po anomalo.

Riguardo le modalità di acquisto e di pagamento dei tagliandi, la società A.S. Roma mette in vendita i biglietti o nei negozi ufficiali “Roma Store” o attraverso prenotazione presso il call center Lottomatica, fornendo gratis il biglietto al disabile e ridotto all’accompagnatore con il prezzo che varia a seconda della gara. Discorso diverso invece per la Società Lazio, che vende i biglietti in tutti i punti vendita facendo però pagare il ridotto anche alla persona disabile. Per acquistare i tagliandi è necessario esibire il certificato di invalidità. In entrambe i casi il posto riservato è quello in Tribuna Tevere, non è numerato e non c’è un limite preciso di biglietti vendibili; il settore insomma non si può scegliere anche se dentro lo Stadio Olimpico ci sono dei posti disabili situati vicino alla tribuna stampa ma sono disponibili solo su esplicito invito o delle società o del CONI.

L’affluenza all’impianto è piuttosto serena e il percorso è libero da barriere architettoniche, almeno è stato cosi fino all’avvento dei famigerati tornelli, attraverso i quali, ovviamente, i tifosi in carrozzella non possono passare. Il problema è stato risolto con l’apertura di un’ entrata laterale a loro riservata.

Indubbiamente qualche cosa si può ancora migliorare e nell’ultimo anno ci sono state novità importanti come quella della creazione di una biglietteria Call center Lottomatica, riservata solo ai diversamente abili. Di recente c’è stata anche una lodevole iniziativa in occasione dell’ultimo derby di Roma del 4 marzo scorso, nel quale l’azionariato popolare giallorosso MyRoma insieme alla Fondazione Gabriele Sandri hanno allestito un pullman per favorire la partecipazione di quindici ragazzi disabili ai quali l’A.S. Roma aveva regalato i tagliandi. L’iniziativa “Stadio Bus” è nata seguendo le linee guida del CAFE, un modello prestigioso a cui l’Italia sta cominciando pian piano ad ispirarsi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...