Serie A: le squadre che hanno concluso il campionato senza sconfitte

Standard

Dal dopoguerra in poi, in serie A solo poche volte è successo che una squadra concludesse il proprio cammino senza incappare in sconfitte. Andiamo ad analizzare quali sono stati i casi, includendo la Juventus della stagione 2011/2012, che a meno di clamorosi avvenimenti nell’ultima giornata di campionato in cui ospiterà l’Atalanta, si avvia ad entrare nella cerchia delle “imbattute”.

Perugia 1978/1979 – Il Perugia del 1978/1979 fu la prima squadra nella storia della Serie A a chiudere un campionato imbattuta. Quel torneo (che comprendeva 16 squadre) fu vinto dal Milan con 44 punti, mentre la compagine biancorossa allenata da Ilario Castagner si classificò alle sue spalle a quota 41. In quel campionato, con la vittoria che valeva 2 punti, il Perugia collezionò 11 vittorie e 19 pareggi proponendo un gioco moderno ed efficace, grazie alla presenza di Salvatore Bagni, ai tempi astro nascente del calcio, e di Franco Vannini, trequartista che univa classe e potenza. Proprio quell’annata fu particolare per Vannini che dovette interrompere la carriera in seguito ad un brutto infortunio occorso in uno scontro di gioco con l’interista Fedele, proprio durante l’unica partita che il Perugia rischiò di perdere. Era il 4 Febbraio 1979, e allo stadio “Renato Curi” si giocava Perugia-Inter. I nerazzurri andarono avanti di due reti, messe a segno da Altobelli e Muraro nel corso del primo tempo. Vannini accorciò le distanze prima di uscire proprio a causa del fallo di Fedele, al suo posto entrò Ceccarini che pareggiò al 90°, con un gol che rimarrà l’unico della sua carriera, evitando così una sconfitta che avrebbe macchiato una stagione che è entrata nella storia. La formazione tipo di quel Perugia era: Malizia, Nappi, Ceccarini; Dal Fiume, Della Martira, Frosio; Bagni, Butti, Speggiorn, Vannini, Casarsa.

Milan 1991/1992 – Il primo Milan allenato da Fabio Capello fu la prima squadra a vincere il campionato senza subire sconfitte. A causa della squalifica inflitta ai rossoneri per il comportamento tenuto l’anno precedente a Marsiglia, quando si rifiutarono di giocare dopo lo spegnimento dei riflettori dello stadio, i rossoneri si poterono dedicare esclusivamente al campionato. Con 22 vittore e 12 pareggi, e con un Marco Van Basten capocannoniere con 25 reti, ottenne 53 punti, +5 sulla Juventus seconda classificata, in un campionato che vedeva 18 squadre partecipanti. Il momento più importante per la conquista del 12° scudetto si ebbe il 5 aprile 1992, quando la squadra di Capello affossò per 5 reti a 1 la Sampdoria campione in carica, e si diresse verso la vittoria con due giornate di anticipo, ottenuta matematicamente sul campo del Napoli, con un pareggio, il 10 maggio 1992. Il Milan 1991/1992 schierava: Rossi, Galli, Maldini; Albertini, Costacurta, Baresi; Donadoni, Rijkard, Van Basten, Gullit, Massaro.  L’imbattibilità proseguì anche l’anno successivo fin quando il Parma, il 21 marzo 1993, non interruppe la serie record di 58 risultati utili consecutivi, con un gol su punzione al “Meazza” di Faustino Asprilla.

Juventus 2011/2012 – La prima stagione di Antonio Conte sulla panchina bianconera ha voluto dire scudetto. Se non dovesse essere sconfitta dall’Atalanta nell’ultima giornata, (eventualità assai improbabile), la Juventus, per la prima volta nella sua storia si aggiudicherebbe il titolo senza mai perdere. La squadra di Conte ha espresso un gioco basato sull’atletismo e sulla solidità difensiva, e ciò è testimoniato dai soli 19 gol presi (la seconda difesa è il Milan con 32). Il momento più importante è stato l’11 aprile 2012, quando la Lazio era riuscita a pervenire al pareggio che stava difendendo con i denti. La vittoria giunse grazie ad una punizione di Del Piero all’82° minuto, che ha dato tre punti poi rivelatisi fondamentali in quel momento del campionato. La formazione tipo schierata da Conte è stata: Buffon; Barzagli, Chiellini, Bonucci; Lichsteiner, Vidal, Pirlo, Marchisio, Pepe; Vucinic, Matri.

                      Michele D’Alessio

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...