I cento passaggi di Michele Plastino del 4 novembre: Napoli e il razzismo

Standard

 

“Due settimane fa eravamo qui in trasmissione quando è arrivata la notizia del commento dell’intervistatore Rai Piemonte che nel fare lo spiritoso intervistando tifosi è uscito fuori che i napoletani li riconoscete per la puzza. A questo aggiungiamoci i cori fatti a Torino su Vesuvio, colera, ecc.. la pena è stata di 7mila euro per cori razzisti. Non mi sembra che la nostra giustizia sportiva aiuti a risolvere il problema. Anche al Verona poca multa, di squalifiche del campo non se ne parla. Questo perchè le pay tv hanno interesse a mostrare stadi pieni. Ora voglio fare un discorso che a Napoli non faccio mai ma lo faccio perchè mi piace l’idea di parlare ai giovani che vanno allo stadio. Lo faccio anche dopo gli insulti ricevuti dopo il caso De Sanctis, voglio spiegare solo perchè negli stadi c’è razzismo contro i napoletani. Hanno rotto i coglioni chi dice che è goliardia. E’ razzismo vero invece, perchè se c’è Roma-Inter ad esempio, ai tifosi dell’Inter non si dicono le cose peggiori che puzzano o che devono bruciare col Vesuvio, neanche ai catanesi con l’Etna. Non si può dire nemmeno che ci deve essere un motivo se tutti dicono così, questo è razzismo puro. Il motivo è una leggenda sottoculturale nei confronti di questa città. Si ruba da tutte le parti, non solo a Napoli. A Napoli nasce grande cultura, grande civiltà, era la culla della civiltà con i Borboni: a Napoli la prima ferrovia e i più grandi artisti. E’ vero, adesso la Lega ci dice che il Sud succhia i soldi, ma prima che succedeva il contrario non ce lo ricordiamo. Questo fenomeno di razzismo sui napoletani non ha spiegazioni. Questo è il motivo, è che in alcune nostre città il razzismo esiste e pregherei tutti quelli che odiano Roma di leggere Trilussa e vedere film di Pasolini. A quelli che odiano Napoli, vedetevi Totò e le commedie di De Filippo. E se poi siete ancora razzisti verso Napoli, siete ancora degli stronzi. Questa volta voi, e non io.”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...