Gegic e il mercato chiamato calcio italiano

Standard

gegic

Ha avuto inizio ieri la prima parte dell’interrogatorio di Almir Gegic, ex centrocampista del Chiasso, considerato il numero due della cosiddetta banda degli “zingari”, latitante dal Giugno 2011 fino a Lunedì scorso.

L’ex calciatore, da quanto è trapelato, si è dimostrato molto collaborativo, così come aveva dichiarato prima di costituirsi in una intervista alla Gazzetta dello Sport.

Oggi a mezzogiorno comincerà il suo secondo round, davanti al Gip Guido Salvini, affiancato dal suo avvocato Roberto Brunelli, che al termine del primo interrogatorio ha dichiarato: “Stiamo prendendo in esame le partite che sono contestate, anche di Serie A”.

Da quanto riportato dalla “rosea” nell’edizione odierna, il serbo è apparso tranquillo davanti al giudice ed ha negato in primis di aver minacciato i calciatori, dal momento che il calcio italiano sarebbe una sorta di mercato, dove da anni le ultime partite sono in vendita al miglior offerente.

L’ex Chiasso sembra aver confermato quasi tutto l’impianto accusatorio messo in piedi da Cremona: solo alcuni passaggi del pentito Gervasoni sono stati bollati come falsi. Inoltre Gegic non considera credibile Erodiani, come ampiamente spiegato nell’intervista rilasciata prima di costituirsi.

Nel secondo round che andrà in scena tra qualche ora, il centro della questione sarà il Mister X, l’uomo sulla sessantina che chiedeva 600 mila euro per le informazioni riguardanti le partite truccate, il probabile collante di tutte le bande che ruotano intorno al mondo delle scommesse, perché Gegic è stato chiaro: “Non c’eravamo soltanto noi”.

Redazione Social Football

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...