Lavagna tattica: Juventus – Torino

Standard

JuveToro

di Antonio Pivati

 

Juve-Toro sarà una partita a scacchi tra due allenatori molto capaci. Ventura è un maestro di calcio, fa giocare alla perfezione le sue squadre (chi non ricorda i fasti di Bari?) e anche quest’anno sta dando davvero un’anima e un’identità precisa al suo Torino. Presumibilmente sarà 4-3-3 contro 3-5-2.

Ventura potrebbe coprirsi in mezzo al campo affiancando Vives in mediana a Basha e Gazzi con conseguente panchina per i vari Meggiorini e Sansone. Il punto di forza del Torino è il gioco sugli esterni e la legna in mezzo al campo prodotta dal duo Basha-Gazzi. Cerci e Santana sono imprescindibili nello schema tattico del tecnico genovese. La loro velocità, la loro imprevedibilità, la loro abilità nel dribbling consente al Torino di essere pericoloso in avanti soprattutto quando riesce a ripartire in contropiede (prova ne è la splendida azione che ha portato al goal dell’1-0 di Cerci contro la Fiorentina). Logico che occorrerà bloccare il gioco sulle fasce dei granata provando a tenere bassi Santana e Cerci magari facendoli correre a rinculare in fase difensiva. Darmian e D’Ambrosio non sono dei fulmini di guerra e dunque sarà compito dei vari Lichsteneir e/o Asamoah o Giaccherini ( che meriterebbe più spazio ) esaltare il gioco a sua volta sulle fasce della Juventus.

La superiorità a centrocampo è chiave di volta di ogni match e lo sarà a maggior ragione in questo derby. Pirlo sarà il baricentro di un gioco che dovrà essere aggressivo fin dal primo minuto, pressing alto e ripartenze letali. Con le dovute proporzioni la Juventus deve scendere in campo con la stessa mentalità con la quale è riuscita a travolgere il Chelsea in Champions. Il Torino ha una mentalità coriacea e la fa risaltare in ogni partita e, dunque, proverà a chiudere gli spazi fin dal primo minuto. Potrebbe essere uno zero a zero sulla carta e allora potrebbe anche risolverla la giocata di un campione. Una punizione, un tiro da fuori, un episodio da calcio da fermo. Aspettiamoci una partita forse anche bruttina dal punto di vista tecnico, molto spigolosa, forse anche nervosa dal punto di vista tattico. Conte recupera Chiellini e dovrebbe fare a meno di Vidal (al suo posto Pogba).

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...