Calcioscommesse: Ferrario torna a parlare di Lecce-Lazio

Standard

Lecce-Viareggio amichevole

Nuovo anno, vecchi problemi. Si torna a parlare di calcioscommesse.

Questa volta  tocca a Stefano Ferrario, ex difensore del Lecce, che lo scorso marzo confessò di aver ricevuto una proposta di combine per Lecce-Lazio dall’amico Zamperini. Il difensore torna a parlare ai microfoni della Gazzetta dello Sport. Di seguito vi proponiamo l’intervista integrale:

Partiamo dall’inizio: lo scorso marzo c’è la sua audizione sull’offerta di Zamperini per Lecce-Lazio.

Alla Procura ho raccontato tutto. Conosco Zamperini da anni, eravamo amici. Nella settimana della partita mi chiama: “Sono a Lecce, ci vediamo in albergo?”. Ho detto sì: all’inizio parliamo delle solite cose, poi la proposta.

Le chiede di alterare il risultato?

Mi dice che c’erano dei suoi amici disposti a mettere soldi sulla gara. Rimango di sasso. Pensavo scherzasse, poi quando ho capito che era un discorso serio l’ho stoppato. E sono andato via.

Non ha parlato con nessuno di questa proposta?

Confesso la mia ignoranza: non sapevo dell’omessa denuncia. Certo, mi aveva molto deluso il comportamento di Zamperini».
Le indagini di Cremona hanno dimostrato che in quei giorni a Lecce c’erano Ilievski e un gruppo di scommettitori ungheresi.
«L’ho scoperto dai giornali. Anche la Procura Federale me lo ha chiesto: io ho visto con Zamperini una persona, sembrava italiana. Immaginavo ci fossero delle situazioni a rischio, ma le credevo legate ad accordi sportivi. Lo ha detto anche Buffon: “Meglio due feriti che un morto”.

Proprio questa mentalità ha permesso, secondo i magistrati inquirenti, di taroccare diverse partite di A e B.

Capisco e credo sia davvero un bel problema. Forse noi giocatori dovremmo essere più tutelati: troppe persone ci possono avvicinare facilmente. E se offrono parecchi soldi, magari qualcuno accetta.

Lei ha rifiutato.

Ci mancherebbe altro: mi considero fortunato a fare questo mestiere. Non sapevo nulla di omessa denuncia, ma è giusto che paghi. E le dico una cosa: è difficile accusare un amico o un compagno. Comunque, da marzo so che sarò squalificato. Ma i mesi passano e le occasioni anche. Mi sento in gabbia.

Ci spieghi.

A gennaio vado al Parma: prestito con diritto di riscatto. Donadoni mi teneva in considerazione: a giugno sono in una squadra di A. Ma la mia audizione nel frattempo è diventata pubblica: il Parma fa le sue valutazioni e non prende un giocatore che sarà squalificato. Rientro al Lecce retrocesso in B e poi in Prima divisione per le scommesse. E mi ritrovo a essere un giocatore scomodo: le società che mi richiedono si ritirano appena scoprono del possibile stop. Alla fine devo dire grazie al Lecce. Non è stato semplice: tutti pensavano che il processo si tenesse a settembre. Se poi aggiungiamo un infortunio, si capisce perché soltanto prima di Natale ho disputato la prima gara stagionale (contro l’AlbinoLeffe, ndr).

Ma l’incubo non è finito.

Esatto. Esagero se dico che sto pagando un conto più alto di quello previsto? Vorrei solo pianificare il mio futuro: è un mio diritto. Ho ammesso la mia sciocchezza a marzo. Quanto ancora dovrò aspettare

Fonte: Gazzetta dello Sport

Redazione Social Football

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...