Punto Milan: Ricomincia la salita

Standard
ac milan contro il razzismo
di Francesco Maiocchi
La partita: nel riscaldamento i rossoneri sfoggiano con orgoglio le magliette contro il razzismo, per non dimenticare i terribili cori contro i giocatori di colore nell’amichevole svoltasi a Busto Arsizio contro la Pro Patria.  Il primo tempo è avaro di emozioni,nessuna occasione per entrambe le squadre; sullo stadio cala il freddo,ma soprattutto calano i fischi dei tifosi arrabbiati per il brutto spettacolo. Forse è l’impazienza dei tifosi o la rabbia di Allegri negli spogliatoi che da la carica al Milan,fatto sta che i rossoneri tornano in campo con una grinta diversa. Bojan prende il posto di Nocerino, crea le prime vere azioni della partita e, proprio mentre lo stadio esulta ancora per la doppietta di Icardi, sigla l’uno a zero al 22’minuto. I padroni di casa si scatenano grazie allo spazio che i Toscani oramai concedono e al 35′ Pazzini raddoppia su rigore. A chiudere le marcature è Paolucci nel finale che regala 5 minuti di speranza alla squadra toscana, che però non riesce a raggiungere il pareggio.
Luci: in questo periodo di calciomercato gli attaccanti del Milan ci tengono a far notare la loro presenza e a far dimenticare l’assenza dei brasiliani. Bojan cambia faccia alla partita ed il gol è solo la ciliegina sulla torta della sua splendida prestazione. Boateng reagisce ottimamente a quanto successo in settimana servendo l’assist vincente per l’ex Barcellona e finalmente è tra i migliori in campo. Il faraone non segna ed è questa la notizia, ma sembra davvero che possieda un energia infinita, non smette mai di correre e recupera palloni in difesa:El Sharaawy oltre ad essere l’idolo dei tifosi è il vero faro di questo Milan.
Ombre: la difesa è sempre sotto i riflettori, spesso imprecisa ed insicura, crea più pericoli di quanti ne sventa con una lunga serie di retropassaggi al portiere. Il gol del siena non arriva su calcio piazzato,ma è pur sempre su disattenzione; se un acquisto in attacco sembra non servire, sicuramente serve un buon difensore e un sostituto per l’infortunato De Jong.
Quello che verrà: Mercoledi c’è la sfida con la Juve in coppa Italia, forse l’unico vero obiettivo per il Milan oltre la zona champions; i bianconeri non sembrano puntare tanto sul trofeo nazionale,ma sicuramente cercheranno la vittoria per rifarsi della beffa subita con la Sampdoria.  Nel frattempo Galliani lavora senza sosta per creare un tesoretto da 25 milioni,15 li ha gia ottenuti con la cessione di Pato,ma il mercato è ancora lungo sia in entrata che in uscita.
Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...