Punto Napoli: tre sberle al Palermo e la corsa continua. Mazzarri, sorridi!

Standard
SSC Napoli v Pescara Calcio - Serie A
Punto Napoli: tre sberle al Palermo e la corsa continua. Mazzarri, sorridi!
di Carmine Guarino

Avviso ai naviganti: il Napoli c’è. Gli uomini di Mazzarri, dopo qualche spavento iniziale, si sbarazzano abbastanza agevolmente del Palermo e continuano la corsa in campionato. Nove punti nelle ultime tre giornate e lotta scudetto (anche se a Napoli non lo diranno mai…) riaperta. Ora la classifica recita: terzo posto solitario a meno due dalla Lazio e a meno cinque dalla Juventus capolista.

 

La partita – L’undici azzurro comincia abbastanza contratto il match e la prima mezz’ora è di marca rosanero. Dossena, prima, e Morganella, poi, spaventano De Sanctis. Le maggiori difficoltà arrivano sugli esterni dove Maggio e Zuniga faticano a tenere le sovrapposizioni degli avversari. Al 30’, però, sono i padroni di casa ad andare in vantaggio. Hamsik, dalla destra, mette al centro dove arriva puntuale all’appuntamento Maggio.  1-0 per il Napoli e terzo gol consecutivo per l’esterno di Mazzarri. Il Napoli sale in cattedra e dopo 4 minuti porta a termine un “uno due” micidiale. Inler scambia con Hamsik e lascia partire una parabola perfetta dai 25 metri. Palla all’angolino e partita in ghiaccio. Nella ripresa i partenopei amministrano il risultato e al 28’ arrotondano ulteriormente il parziale con Insigne, imbeccato da uno splendido Inler. Nel finale tutti a cercare il gol di Cavani che, però, non arriva. Per il Palermo ennesimo stop e ora la classifica fa davvero paura. Per il Napoli vittoria preziosissima per restare agganciati alla Lazio e approfittare dello stop della Juve.

 

Luci –  L’impressione è che il Napoli di ieri non andasse a cento all’ora. Nonostante ciò, il risultato dice 3-0 a testimonianza del fatto che il Napoli sta assumendo davvero i connotati della grande squadra. Ottima prova di Britos da centrale difensivo: sempre attento sugli anticipi e bravo a fare ripartire l’azione da regista arretrato. Benissimo anche Inler: gol da cineteca e rabbia e cattiveria agonistica da vendere, come dimostra l’azione del terzo gol.

 

Ombre –  La prima mezz’ora ha fatto sudare freddo tutti i presenti al San Paolo e ha fatto infuriare Mazzarri. Il rischio di andare sotto si è presentato in un paio di occasioni e il tecnico toscano deve ringraziare De Sanctis e la fortuna. A volere essere pignoli una piccola ombra cala anche su Cavani. Nell’ultimo quarto d’ora la squadra gioca solo ed esclusivamente per lui, ma il Matador si dimostra stranamente impreciso e a tratti nervoso.

 

Quello che verrà –   Domenica, ad ora di pranzo, il Napoli va all’Artemio Franchi per incontrare la Fiorentina. La squadra di Montella viene da due sconfitte consecutive ed ha voglia di ripartire. La partita è di quelle insidiose e toste: ennesima prova del nove per capire dove gli uomini di Mazzarri possono arrivare.

 

Il ricorso e…Mazzarri il nervoso – Giovedì la Corte di Giustizia Federale prenderà una decisione sul ricorso presentato dal Napoli in merito ai due punti di penalizzazione e alla squalifica per Cannavaro e Grava. Guardando ai precedenti, la sensazione è che si vada verso il solito “sconto di pena”. I punti di penalizzazione dovrebbero passare da due ad uno, o addirittura zero, e le squalifiche di Cannavaro e Grava dovrebbero essere quanto meno dimezzate. Solo a sentenza acquisita il Napoli deciderà se sondare nuovamente il mercato alla ricerca di un difensore centrale. (anche se il Britos di ieri non dispiace affatto). Mazzarri, da sempre, si porta dietro l’etichetta di “difensivista” e provinciale. Ora, l’impressione è che il tecnico toscano si sia stancato di tutto ciò. Dopo la vittoria con la Roma sbotta con i giornalisti e va via, dopo la partita di ieri sul suo viso non c’è l’ombra di un sorriso. Il Napoli sta facendo benissimo, forse la migliore stagione col tecnico in panchina, e quindi sarebbe il caso di rilassarsi un attimo e far trasparire maggiore serenità e tranquillità. Di Mourinho ce n’è uno solo e al momento non è che le cose gli vadano poi tanto bene.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...