Roma – Inter 1-1: le pagelle

Standard

C_3_Media_1634591_immagine_obig

Pagelle Roma – Inter
di Alessia Fratarcangeli

AS ROMA

Goicoechea – 6 per gran parte del match rimane inattivo; nel primo tempo si rende protagonista di una pessima uscita su corner dell’Inter, che non riesce a sfruttare la disattenzione. Nulla può sul tiro fulmineo a pochi passi dalla porta di Palacio, che non sbaglia e sigla il pareggio.
Piris – 5 trova poco spazio, dato che si ritrova a duellare sulla fascia con il solito Juan Jesus. Va anche lui al tiro, una volta al 53’ con una palla centrale bloccata da Handanovic, poi nella seconda parte della ripresa ha due chiare occasioni davanti la porta che si sono concluse con tiri inguardabili.
Marquinhos – 6.5 impressionante come sempre la prova del diciottenne brasiliano. È il vero leader della difesa giallorossa, svolge un lavoro impeccabile su Palacio, che con lui a volte fa fatica a trovare spazio. Unica nota negativa: colpevole a metà con Castan per non aver contrastato al meglio Guarin nell’azione del pareggio nerazzurro.
Castan – 6 colpevole e poco incisivo nell’azione del pareggio nerazzurro; in alcuni tratti soffre la percussione di Guarin. Per il resto sempre attento e vigile  sulle incursioni degli attaccanti avversari.
Balzaretti – 5 probabilmente ancora deve riprendersi del tutto dal virus influenzale, non è nelle migliori condizioni e si vede. Respinge le incursioni di Nagatomo e spazza via il pallone capitato tra i suoi piedi dopo l’uscita a vuoto di Goicoechea. Poco incisivo sulla sua fascia.
Bradley – 6 nel secondo tempo si è parzialmente riscattato del primo tempo sotto tono. Perde troppi palloni ma si procura il calcio di rigore che porta la Roma sull’ 1-0. Nella ripresa indirizza prima Lamela e poi Piris verso la porta, ma non sfruttano al meglio gli assist dell’americano. Con l’entrata di Tachtsidis,  si trova a reggere da solo il centrocampo.
De Rossi – 6 gioca solamente un tempo, all’inizio della ripresa deve lasciare il campo per infortunio. Con lui a centrocampo la squadra è sicuramente più equilibrata, buone verticalizzazioni per Osvaldo e Florenzi, 45 minuti di gran sacrificio per lui. Tachtsidis (46’) – 4.5  entra al posto di De Rossi nel secondo tempo e il centrocampo cambia fisionomia. Troppi errori, troppi palloni persi, troppo lento il suo gioco; tutti questi difetti in alcuni momenti hanno innescato la ripartenza dei nerazzurri.
Florenzi – 6 partita di gran sacrificio per il giovane centrocampista, uscito dal campo abbastanza affaticato. Più volte ha dato il via ad azioni pericolose servendo in tutti i modi i suoi compagni, andando anche a raccogliere palloni in difesa per far ripartire più velocemente il gioco. Perrotta (68’) –  s.v.
Lamela – 5.5 non  è una delle serate migliori per l’argentino; offre ai suoi compagni qualche assist che non viene sfruttato, ma a volte sembra non riuscire a controllare il pallone. Nel secondo tempo il suo gioco diventa più concreto: prova una conclusione molto insidiosa al 34’ che esce di poco alla destra di Handanovic; all’83’ il portiere nerazzurro gli nega il gol parandogli un tiro da fuori area.
Osvaldo – 5.5 sebbene sia presente in ogni azione offensiva dei giallorossi, non riesce ad andare a segno in parte per le troppe volte che viene colto in fuorigioco, seppur minimo, e in parte per i cross non proprio perfetti dei suoi compagni. Sia nel primo che nel secondo tempo ha avuto buone occasioni per siglare il vantaggio, ma la poca precisione non l’ha portato al gol. Destro (80’) – s.v.
Totti – 6 rigore perfetto per il numero 10 dei giallorossi, offre dei buoni assist (ma non incisivi quanto vorrebbe) a Osvaldo. Non sfrutta l’occasione più invitante della serata, quando Handanovic, ormai a terra, lascia la porta scoperta, ma tutto si conclude con un semplice calcio d’angolo.
All. Zeman – 5 la squadra non ha espresso il suo miglior gioco, come anche l’Inter e forse pagano entrambi la stanchezza dei 120’ in Coppa Italia. La perdita di De Rossi causa non pochi problemi al reparto di centrocampo, che per questo match non ha visto in campo neanche Pjanic, poiché il boemo preferisce Bradley e Florenzi accanto a De Rossi. E forse questa mossa gli si è ritorta contro, come anche l’attacco titolare preservato mercoledì appositamente per questa sfida, che stasera fa cilecca.

FC INTER

Handanovic – 6.5  tra i nerazzurri uno dei migliori. Nel primo tempo non ci sono molti interventi decisivi, anche perché gli attaccanti giallorossi sbagliano da soli data la loro poca precisione sotto porta. Rischia quando interviene sul pallone a pochi passi da Osvaldo e lascia la porta scoperta a Totti che non sfrutta l’occasione; intervento prodigioso su tiro di Lamela a pochi minuti dal 90’, salvando il risultato.
Ranocchia – 5.5 entra in scivolata in area di rigore, disinteressandosi della palla e ostacolando così Bradley al tiro: è lui che con questo intervento scomposto provoca il calcio di rigore che porta in vantaggio la Roma. Una prestazione fatta di alti e bassi, prova anche un tiro-cross verso la porta avversaria, che Goicoechea devia in angolo.
Chivu – 6 è sicuramente lui che tiene in piedi e compatta la difesa dell’Inter, soprattutto nei momenti di pressione da parte del tridente avversario. Non ha problemi sui cross avversari.
Juan Jesus – 6 soprattutto nella prima parte di gara non lascia scampo ai movimenti di Piris, intercetta molti palloni, servendo precisamente i suoi avversari. Nel secondo tempo inizia a soffrire la percussione a tratti innescata da Lamela, ma nonostante tutto lo contiene bene.
Nagatomo – 5 appare spaesato e raramente si vede nelle azioni nerazzurre, non è entrato in partita e Stramaccioni se ne accorge, sostituendolo. Obi (56’) – 5.5 inizia timidamente, ma nel corso della ripresa prende coraggio e si espone di più. Sicuramente c’è ancora da lavorarci su.
Zanetti – 5 ci si aspettava uno scontro agguerrito tra i due veterani, Totti e Zanetti. Probabilmente lo scontro a distanza lo vince il capitano giallorosso, poiché l’argentino si propone ben poco e sembra forse un po’ affaticato. Perde un po’ troppi palloni, tra cui quello che poi ha portato al fallo da rigore di Ranocchia. Non salta una partita da molto tempo, e forse per ricaricarsi e tornare il combattente che è ha bisogno di una breve pausa.
Gargano – 5 l’equivalente nerazzurro della prestazione di Tachtsidis: troppi passaggi sbagliati e palloni regalati all’avversario, non si comporta bene neanche nelle fasi di contenimento. Mudingayi (83’) – s.v.
A.Pereira – 5.5 gara in affanno, gli avversari dalla sua parte sfondano molto facilmente. Meglio la parte offensiva che quella difensiva, anche se non è stato incisivo come avrebbe dovuto.
Guarin – 6.5 i suoi movimenti azzeccati hanno messo in difficoltà perenne la difesa romanista. La sua velocità a volte è dirompente, le sue accelerazioni all’ordine del giorno, ma si vedono di meno i suoi potenti tiri  al limite dell’area, pur avendone avuto occasione. Florenzi cerca di braccarlo e limitare la sua corsa, riuscendoci poche volte. Si divincola dalle grinfie di Castan e Marquinhos, mettendo intelligentemente sui piedi di Palacio un cross rasoterra, che porta al gol del pareggio.
Palacio – 6.5  insieme a Guarin, è uno dei migliori della sua squadra. Chi se non lui poteva andare a segno stasera, con la squadra decimata dagli infortuni. È uno dei più pericolosi, ha aiutato nei movimenti tutti i suoi compagni e nelle azioni offensive si è spostato in qualunque parte del campo, anche se non poche volte si è trovato a combattere e a perdere scontri faccia a faccia con il giovane Marquinhos.
Livaja – 6 a sorpresa viene schierato titolare dal tecnico nerazzurro. Ha avuto poche occasioni concentrate in una manciata di minuti, compreso il palo colpito al 36’. Prestazione nel complesso positiva. Rocchi (73’) – s.v.
All. Stramaccioni – 5.5 la sua squadra si presenta all’Olimpico in piena emergenza infortuni, e le assenze di Cassano e Milito tra tutti pesano fortemente sulla prestazione. L’Inter nel complesso non è stata così pericolosa come ci si aspettava, a esclusione del palo colpito da Livaja e qualche incursione alternata di Palacio-Guarin. I nerazzurri hanno sbagliato fin troppi passaggi, calci piazzati e punizioni. Come la Roma, anche l’Inter è arrivata a questo importante match con le pile scaricate dopo un faticoso passaggio di turno di Coppa Italia. Il pareggio finale non è utile né a loro né alla squadra giallorossa.

Arbitro Orsato – 6 Qualche dubbio sorge sul fallo da rigore di Ranocchia, ma il direttore di gara sembra convinto della decisione presa e l’Inter non si oppone platealmente. Per il resto una gara arbitrata senza errori, buona prova anche dei guardalinee che hanno individuato e segnalato correttamente tutte le situazioni di fuorigioco

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...