Garrone, lo sport ed il sociale

Standard

garrone

 

di Marco Marini

Genova blucerchiata piange Riccardo Garrone. Il presidente doriano, al comando dal 2002, ha rappresentato una figura importantissima nel panorama calcistico sia per quanto riguarda le vicende sportive che extra-calcistiche. Impegnato a riportare la Sampdoria tra l’elite del calcio italiano, ha voluto dare il suo contributo anche nel sociale.

Dal 2005, ha ricoperto la carica di presidente della Fondazione Garrone, società che promuove attività culturali e scientifiche. Un’organizzazione nata proprio per affrontare con determinazione e responsabilità le tematiche dello sviluppo, dell’integrazione e del sociale e che ha sempre affiancato associazioni autorevoli per sensibilizzare la gente su questi argomenti. In particolare la Fondazione Garrone ha sostenuto da tempo l’Associazione Mus-e Italia Onlus, ha consolidato la collaborazione con Aidos e la partnership con Amref.

Mus-e, ovvero Music Europe, è un progetto multiculturale europeo dedicato ai bambini, che si propone di contrastare, attraverso esperienze artistiche, l’emarginazione e il disagio sociale nelle scuole dell’infanzia e primarie pubbliche.

Aidos, ovvero associazione italiana donne per lo sviluppo, documenta l’impatto sociale ed emotivo della diffusione dell’HIV/AIDS, puntando l’obiettivo sulla forza di chi aveva reagito alla malattia e ai pregiudizio e dato un nuovo significato “positivo” alla propria vita.

Grande esempio di solidarietà artistica è inoltre la collaborazione con Amref, da cui sono nate le rappresentazioni genovesi degli spettacoli Pinocchio Nero, trasposizione della favola di Collodi nelle favelas africane con un gruppo di ex-ragazzi di strada di Nairobi, Amore Buono.

Nonostante la brutta e lunga malattia che negli ultimi mesi lo aveva tenuto lontano dalle questioni più vicine alla squadra. ha cercato sempre di non far mancare il suo sostegno a tecnico e giocatori. La lenta ma costante ascesa verso un ritorno nel calcio europeo prima in Coppa Uefa e poi, all’ottava stagione, in Champions League lo hanno fatto entrare nei cuori dei tifosi blucerchiati. Durante questi anni trascorsi alla presidenza della Samp ci sono stati anche momenti difficili ma lui è riuscito ad affrontarli a testa alta risollevando le sorti della Sampdoria. Dalla massima competizione europea, infatti, si passerà poi nel 2011 a una nuova retrocessione, con il ritorno in Serie A nel 2012.

Questo modo di essere, sconosciuto da molti, fa parte del carattere di Riccardo Garrone, uomo di sport, da sempre interessato al sociale. Insomma una persona molto positiva per il mondo del calcio e non solo. Un esempio da seguire.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...