Maradona, doppia beffa

Standard

maradona

 

La Commissione tributaria provinciale di Napoli ha respinto il ricorso del Pibe de Oro in merito al “silenzio-rifiuto” con il quale il Fisco aveva accolto la richiesta di annullare le cartelle dell’ex attaccante della società partenopea. Documenti relativi ai mancati pagamenti di tasse di sei diversi anni, dal 1985 al 1990.

I giudici, infatti, hanno respinto tutte le diverse motivazioni, sia facendo riferimento alle norme di legge sia ripercorrendo i diversi ricorsi e sentenze nei confronti dei quali quali i magistrati fiscali si erano già espressi precedentemente. La Commissione tributaria, quindi, ha ritenuto “inammissibile” il ricorso ricordando che la cartella oggetto dell’impugnativa era già stata discussa precedentemente. Nel 2010 Maradona aveva già ricevuto una bocciatura in quanto era stato già rigettato il ricorso “non avendo alcun fondamento la doglianza espressa dalla difesa del ricorrente sulla circostanza che nel corso del giudizio gli enti predisposti non abbiano, comunque, mai depositato gli atti prodromici a dimostrazione della ritualità delle notifiche”.

Non solo. Adesso Maradona è stato anche “condannato al rimborso delle spese che liquida in complessivi 2.000 euro, di cui 1.000 euro in favore di Equitalia e 1.000 in favore dell’Agenzia delle Entrate, oltre accessori come per legge”.

Una doppia beffa per l’ex campione del Napoli che credeva di aver risolto i suoi problemi con il Fisco in italia ed invece che ora si ritrova anche a pagare il rimborso delle spese dell’Agenzia delle Entrate e di Equitalia.

Redazione Social Football

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...