Roma – Juventus 1-0: le pagelle

Standard

Pagelle Roma – Juventus  1-0 (Totti 13’st)
di Alessia Fratarcangeli
images

As Roma
 Stekelenburg – 6.5 Si fa trovare pronto al momento opportuno sulla punizione di Pirlo e su conclusione di Matri, ma in alcune uscite è sembrato ancora un po’ insicuro.
Piris – 6.5 schierato per la prima volta come terzo di destra, la sua prestazione è soddisfacente anche perché riesce più di una volta a braccare il temuto Vucinic.
Burdisso – 6.5 un lavoro di grande attenzione e di anticipo sugli attaccanti bianconeri.
Marquinhos – 6.5 altra impeccabile prestazione del giovane brasiliano, che chiude gli spazi a Matri ed è preciso e attento nel gioco aereo.
Torosidis – 7 la vera sorpresa della serata è lui. Mette in costante difficoltà prima Asamoah e poi Padoin con le sue pungenti e veloci penetrazioni sulla fascia destra. Tanta corsa e sacrificio. Ha collezionato dei buoni cross bassi e insidiosi non sfruttati a dovere dai compagni.
De Rossi – 6.5 primo tempo un po’ altalenante con la brutta entrata su Lichsteiner e fatica a trovare un equilibrio a centrocampo; il secondo tempo si riscatta, aiutando i compagni del reparto difensivo. Osvaldo gli offre una palla invitante davanti a Buffon, ma non riesce a coordinarsi e a calciare la palla in rete.
Marquinho – 6 nella prima frazione di gioco non riesce a contenere l’insidioso Lichtsteiner, ma più di una volta si propone in attacco. Dubbia ancora la mano di Lichtsteiner in area di rigore su un suo tiro. Balzaretti (38’ st – s.v.)
Pjanic – 6 parte troppo timido e titubante, si vede ben poco nel primo tempo per poi accrescere la sua prestazione nella ripresa con la sua solita precisione nel far circolare palla, con un tiro insidiosissimo parato da Buffon e confezione un buon assist per Osvaldo che non sfrutta. Bradley (68’) – 6 aiuta la squadra più di una volta ad ostacolare l’offensiva bianconera.
Totti – 7.5 ancora lui, il migliore fra i suoi. Oscura l’altro veterano in campo, Pirlo, crea assist per i suoi compagni, si vede addirittura in fase difensiva e segna la rete numero 224 con la maglia giallorossa. E che goal! Un missile di destro da 30 metri e nulla può il malcapitato Buffon. Florenzi (87’) – s.v.
Lamela – 6.5 commette qualche errore, paga il fatto che alcune volte si perde in fraseggi inutili, ma è sempre pronto all’inserimento e non è mai fermo nell’aspettare la palla.
Osvaldo – 6.5 sembra che le contestazioni ricevute in settimana lo abbiano fatto reagire. Il primo tiro della serata porta la sua firma, a inizio secondo tempo non sfrutta l’invitante assist di Totti, colpendo di testa troppo centralmente per mettere in seria difficoltà Buffon. Il gol,che però non arriva, avrebbe potuto coronare una buon prestazione.
All. Andreazzoli – 7 stecca la prima, ma regala ai tifosi la prima grande gioia del 2013. Il cambio di modulo è azzardato, ma con una settimana in più di lavoro sulla gambe la sua squadra ha iniziato a mettermelo in pratica. Ha ricompattato il modulo difensivo, ora molto più organizzato e preciso, sventando così le incursioni bianconere.

Juventus FC
Buffon – 6 salva in più di un’occasione il risultato,prima su Pjanic e poi su Osvaldo. Ma nulla può sul destro di Totti.
Barzagli – 6 meno reattivo del solito, a volte fatica a star dietro ai movimenti di Osvaldo, però svolge sempre in  modo impeccabile i suoi compiti in fase difensiva.
Bonucci –  6 aiuta a risolvere diverse situazioni pericolose nella sua area, sempre attento e pronto a far ripartire i compagni. Il problema è in tutt’altro reparto, quello offensivo.
Lichtsteiner – 6 primo tempo da lottatore, ha davanti Marquinho che di certo non è difficile da saltare. Il problema è che non azzecca un cross e nel secondo tempo la stanchezza prende il sopravvento.
Caceres – 6 durante il match recupera molti palloni , effettua interventi efficaci, però soprattutto nella ripresa soffre le incursioni di Lamela e del greco Torosidis che penetrano con estrema facilità da quella parte.
Pirlo – 5.5 il più pericoloso degli uomini di Conte è apparso stanco in troppe occasioni, stasera tra gli over 30 non è sicuramente lui a brillare. In alcune occasioni è troppo nervoso, forse perché non riesce a impostare le azioni per i suoi compagni come vorrebbe. Prova a trovare il gol sulla sua solita punizione, ma Stekelenburg non si fa trovare impreparato.
Pogba –  5.5 rimpiazzare Marchisio non è facile, e si vede. Troppo lento, impulsivo e in più di un’occasione perde troppi palloni.
Asamoah – 5 sbaglia movimenti e giocate, soffrendo troppo gli scatti in velocità di Torosidis. Conte lo cambia al 51’ con Padoin (5) che proprio non fa la differenza. Torosidis ha campo aperto.
Vidal  – 5 di solito è sempre incisivo quando si trova davanti la squadra giallorossa. Stavolta fatica, sbaglia passaggi ai compagni, la sua riserva di energie si esaurisce quasi subito. Anelka – 5.5 cerca di fare da intermediario tra centrocampo e attacco. Non ha alcuna occasione di tirare in porta ma sicuramente fa di più della coppia in attacco.
Vucinic – 5 non c’è molto da dire sulla sua prestazione: uno dei due tiri verso la porta giallorossa è stato il suo, che esce di poco alla sinistra di Stekelenburg. Per il resto sembra confuso in mezzo al campo, sbaglia troppi palloni e non incide minimamente su quelle rare avanzate offensive dei compagni. Giovinco (51’) – 5 liscia clamorosamente un’ottima palla servita da Anelka, ma non è questo il punto. Ha 40 minuti per dare una svolta al reparto offensivo e invece ricalca la prestazione di Vucinic.
Matri – 5 la difesa giallorossa non gli lascia nessuno spazio per inserirsi e dall’altra parte i suoi compagni non lo servono mai.
All. Conte – 5 vuole vincere a Roma e allora mette più o meno la stessa formazione che ha giocato martedì in Champions League (ad eccezione di Marchisio). La squadra non rende neanche la metà di quello che ha dato in Europa 4 giorni fa e lui fa il polemico come al solito perché “ non si possono giocare 3 gare in 7 giorni”. Ha una panchina di qualità proprio perché la Juve vuole lottare su più fronti, allora perché non sfruttarla?

Arbitro Rocchi – 6 una direzione di gara abbastanza lineare, i suoi guardalinee non sbagliano un fuorigioco; unico dubbio il colpo di mano di Lichtsteiner su  tiro di Marquinho, giudicato a quanto pare involontario.

 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...