Bojan, contro il Barca una serata speciale

Standard


bojan2

 

di Marco Marini

Bojan Krkic sfida il suo passato. Domani, negli ottavi di finale di Champions League, si ritroverà di fronte, per la prima volta, il Barcellona. Proprio la squadra blaugrana. Quella società che ha accolto il giovanissimo talento dandogli la possibilità di maturare e diventare il calciatore che tutti ammirano. Cresciuto nel settore giovanile della società catalana, ha dimostrato subito di avere grandi doti tecniche e realizzative. Caratteristiche che hanno convinto l’entourage della cantera blaugrana a farlo giocare in categorie superiori rispetto alla sua età per abituarsi al confronto con giocatori più forti fisicamente e più esperti. Un modo di fare che il Barca adotta con i giovani più promettenti, tra cui appunto Bojan Krkic. Grazie alle sue qualità è entrato anche a far parte della prima squadra del Barcellona, allora allenata da Frank Rijkard, collezionando in totale 163 presenze e 41 gol.

Destro naturale, gioca molto bene anche con il sinistro. Agile e scattante, è molto abile nei dribbling oltre ad essere molto duttile nel reparto avanzato. Questa qualità, infatti, gli ha permesso di ricoprire più ruoli in attacco sebbene prediliga quello di centravanti puro, nonostante la bassa statura.

Bojan, proprio in merito al match che lo vedrà di fronte ai vecchi compagni di squadra, ha dichiarato: “È una partita diversa, speciale per me. Però non voglio pensare a quello che ho dentro, ma solo ai 90 minuti di calcio che ci aspettano. Non ho mai giocato contro il Barcellona ed è per questo che per me è più di una partita ma io penso solo ad aiutare la squadra, è l’unica cosa che voglio fare. Il Milan è in un buon momento: dobbiamo avere fiducia, cercare di avvicinarci alla partita lavorando bene e pensando che siamo negli ottavi di finale di Champions League contro il Barcellona, al centro di un grande evento. Saranno 180 minuti in cui contano i gol. È fondamentale segnare, ma anche non subire. Dobbiamo rimanere uniti per tutti i 180 minuti”.

Emozioni più che giustificate e sensazioni contrastanti che gli faranno vivere una serata davvero speciale. Da una parte ci sarà il Milan, squadra che lo ha cercato durante la breve parentesi con la Roma e che crede tanto nelle sue qualità. Dall’altra il “suo” Barcellona, club verso il quale nutre ancora sentimenti idilliaci e ricordi indimenticabili come il “Triplete” del 2008.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...