La Fiore di Loto: l’editoriale settimanale dell’Ispirato di Goal di Notte

Standard

jovetic

 

Di Luca Labricciosa

Giornata da dimenticare per tutte le nostre squadre impegnate in settimana nelle Coppe Europee.
La illazionale difesa a tre schierata da Petko fa acqua da tutte le parti, soprattutto da quella di Biava e Konko dove impazza un pendolino che assomiglia a una pietra preziosa, Rubin, che finalmente libero dall’agguerrita concorrenza di Morleo vissuta in quel di Bologna, si sta disimpegnando alla grandissima in un centrocampo senese ormai assuefatto alle sue indispensabili folate senza palla.
I bianconeri di Iachini (tecnico che a noi, per determinazione e zelo didattico, non dispiace affatto) completano l’opera con l’istinto killer di Innocent Emeghara, arrivato a sostituire un evidentemente colpevole Calaiò, e una prestazione di prim’ordine in tutti i suoi effettivi. Avevamo già parlato della buonissima impressione destata in noi dai toscani dopo la sconfitta patita a Torino dai granata di Ventura, la riconfermiamo ovviamente dopo questa splendida vittoria contro gli sbiaditissimi biancocelesti di Petko.
Un’Inter da scordare per sempre viene demolita da una Fiore cattiva e tecnica al punto giusto, dove finalmente Jo-Jo-Jovetic disegna pennellate degne del proprio sconfinato talento per squarciare ulteriormente il bianco delle magliette interiste, ma va immediatamente chiarito che parlare solo dello Jo-Jo è assai riduttivo visto che la Fiore è stata ai limiti dell’eccellenza in tutti i suoi uomini e il piccolo Llajic per tecnica, velocità supersonica e perplessità caratteriali ci fa pensare, nel bene quanto nel male purtroppo, a Giovinco, nella speranza di ricrederci su entrambi o almeno su uno dei due.
GPS (tradotto, post scrittum gigliato): almeno lui è un ’91..
L’Inter dal canto suo concede tutte le possibili agevolazioni per permettere alla viola di sciorinare una simile prestazione: la compagine meneghina è sembrata davvero al lumicino delle proprie energie dopo la piccola impresa contro il Cluj (vincere una partita in un sedicesimo di Europa League è ormai una perfomance da reputarsi ai limiti del gesto eroico per le nostre squadre) e per una campagna europea che non fa opinione, c’è sempre un campo di patate italiano di cui si parlerà in eterno, perchè ai valenti opinionisti e all’influenzabile Moratti, Massimo di nome ma non di fatto per i tifosi nerazzurri, interessa esclusivamente il nostro campionato e la relativa classifica come se esprimesse valori assoluti, indi per cui, Strama rischia Stramazzamenti..
Tra le classifiche oggetto di interesse dei valenti opinionisti trova un piazzamento importante anche quella relativa ai gol presi, in questo senso l’1-0 con cui Andreazzoli esordisce all’Olimpico è il più auspicabile dei viatici, ma per adesso alcune perplessità ci rimangono, soprattutto sulla condizione atletica comunque buona nella gestione Zeman e che ci è sembrata non brillantissima nelle ultime due comparsate giallorosse, tuttavia siamo assai contenti di vedere Stekelenburg, De Rossi e il meno reclamizzato Marquinho (il brasiliano è una nostra crociata dall’inizio dell’anno) finalmente e contemporaneamente in campo. Già domenica a Bergamo sapremo qualcosa in più sulla credibilità delle vedute di Andreazzoli (che a noi per ora un po’ piacciono), vedremo..
E il Napoli? Il pessimo pareggio in casa con la Samp è un’occassionissima persa che probabilmente trova origine nelle tre dolorose pappine incassate contro il Viktoria Plzen. Mazzarri c’ha provato a non prenderle contro i cechi spendendo anche qualche titolare di troppo, ma il concetto di “troppo” è elaborabile esclusivamente a posteriori. Morale? Il Napoli non è certo fuori dai giochi per quanto riguarda lo scudetto e uscire dall’Europa League potrebbe rivelarsi una risorsa importantissima in tal senso..
Il Milan, scoperta l’esistenza di giocatori under 35, sembra rivitalizzatissimo nella propria scalata alla classifica e forse è un bene che vada in Champions per il nostro calcio, o magari, è soltanto una colossale ingiustizia che si dissolverà nei preliminari di Champions, comunque vada, non sarà un in-successo peggiore di quelli ottenuti dall’Udinese di Guidolin..

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...