Punto Inter: un Palacio alle pendici dell’Etna

Standard

di Michele D’Alessio

170957703-7f388fd2-ae99-4673-af7c-7cc14acc6dea

Di questi tempi, preferire Rocchi a Palacio, è un pò come preferire, con il massimo rispetto, Alvaro Vitali a Tom Cruise. Andrea Stramaccioni si prende gli applausi dei suoi per aver azzeccato i cambi che hanno ribaltato la partita di Catania, culminata con una vittoria insperata. La formazione del primo tempo, col temibile tridente Alvarez-Rocchi-Schelotto, lasciava però molto a desiderare, e alla squadra etnea non pareva vero poter infilare per due volte la porta di Handanovic (diffidato e ammonito: salterà la prossima) e portarsi al riposo sul 2-0.
Nella ripresa, entrava Palacio per uno spento Rocchi e cambiava la musica del match. A segno Alvarez, che suggellava una prestazione sicuramente volenterosa anche se a tratti sconclusionata, e appunto, per due volte El Trenza. Il Catania forse si era seduto, convinto, neanche a torto, che la banda Stramaccioni non avesse le armi per rimontare. Invece l’Inter c’è, ed è ad un solo punto dal terzo posto, e sarà bagarre fino alla fine.

Luci: la rimonta, il carattere mostrato per prendere di cattiveria i tre punti, seppur con tanti indisponibili.

Ombre: un primo tempo da vergognarsi, oltre all’ennesimo infortunio, questa volta occorso a Guarìn.

Quello che verrà: ecco l’Europa League, ottavi di andata in casa del Tottenham. Si avvicina il punto cruciale della stagione nerazzurra.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...