Bologna, non c’è due senza tre. Ora la salvezza è a un passo

Standard

gila

 

di Marco Marini

Terzo successo consecutivo dei rossoblù. A San Siro, nel posticipo delle 20.45, il Bologna si è imposto sull’Inter per 1-0 grazie al gol di Gilardino nella ripresa. Dopo le vittorie casalinghe ottenute contro Fiorentina e Cagliari, ieri sono arrivati altri tre punti pesanti che significano tanto. Innanzi tutto perché hanno permesso alla squadra di Pioli di avere una certa continuità, mai avuta durante questa stagione; non a caso sono i primi tre successi consecutivi dall’inizio di campionato ad oggi. Inoltre hanno consentito al Bologna di portarsi a quota 35, il che significa, anche se non matematicamente, salvezza. D’altronde adesso i punti di distacco dal terzultimo posto, occupato dal Siena, sono addirittura undici. Un vantaggio, obiettivamente, considerevole che può far star abbastanza tranquilla la società emiliana per il prosieguo del campionato. Una serenità dovuta anche dal fatto che Palermo e Pescara, rispettivamente ultimo e penultimo in classifica, non riescono più a vincere. L’unica formazione, delle ultime tre, con qualche speranza di salvezza è il Siena, uscito con i tre punti dallo scontro diretto contro il Palermo al Renzo Barbera, distante però undici punti.

A dieci giornate dalla fine, quindi, il Bologna può guardare al futuro con la consapevolezza di poter far bene e, quindi, di raggiungere la salvezza il prima possibile. Mancano otto punti per poter ottenerla aritmeticamente. Otto punti che sono alla portata del Bologna. Eccetto la Juventus e, qualora si dovessero riprendere, Lazio e Napoli le altre squadre da affrontare, tra queste Torino, Atalanta e Genoa, sono formazioni  di uguale livello, o addirittura inferiori ai rossoblù. Ci sono tutti i presupposti favorevoli, quindi, per una salvezza senza patemi.

Inoltre il successo di ieri contro l’Inter ha portato ulteriore consapevolezza della forza di questo gruppo. In effetti, secondo quanto dichiarato da Gilardino a fine partita, la gara contro l’Inter è una dimostrazione lampante che la formazione emiliana sta “vivendo un periodo fortunato e sta bene. Ora non dobbiamo mollare perchè l’obiettivo è vicino. Sono felice per il gol, abbiamo creato molto, tutto il gruppo ha interpretato bene la partita e poi abbiamo approfittato anche della stanchezza dei nerazzurri dopo l’Europa League, è bello vincere contro le big”. Il merito di questa crescita oltre che dei giocatori è, in gran parte, dell’allenatore Pioli. Dopo un girone d’andata deludente e sotto le aspettative di inizio campionato, il tecnico rossoblù è riuscito a tenere compatta una squadra in netta difficoltà facendola crescere un po’ alla volta. Una squadra che a detta del mister rossoblù “nel girone di ritorno ha acquisito molta austostima, è cresciuta attraverso le sconfitte, ed ora è più convinta e sfrutta meglio le occasioni. Vincere a Milano in questo modo dà fiducia per le prossime gare, il gruppo è ancora motivato, nessuno è appagato anche perchè dopo un lungo periodo sott’acqua ora comincia a respirare”. E adesso, pure giustamente, non vuole fermarsi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...