Punto Milan: always Mario

Standard
Punto Milan: always Mario
di Francesco Maiocchi
NEWS_1363536280_mil_v_pal_17_3_13
La partita: bastano 9 minuti per il primo goal, calcio d’angolo battuto basso dal faraone, Balotelli viene trattenuto da Aronica ed è già calcio di rigore. Sul dischetto va il solito superMario, che non sbaglia mai dagli 11 metri e sigla l’uno a zero.  La partita diventa a senso unico, ma le occasioni stentano comunque ad arrivare; al 31 Zapata viene ammonito per fallo di mano concedendo una punizione dal limite che si infrange sulla barriera. Per i rossoneri ci provano prima El Shaarawy  il cui dribling in area viene fermato sempre da Aronica e poi Montolivo il cui tiro da fuori sfiora il palo. Il Palermo non sembra crederci particolarmente e l’altra unica occasione è un tiro da fuori di Morganella deviato in corner da Abbiati. Nel secondo tempo la partita si addormenta quasi definitivamente, con il pubblico che è quasi più attento al tabellone che mostra i ribaltamenti di Napoli e Fiorentina, solo Ilicic prova a creare scompiglio con la complicità di Bonera e Abbiati.  Dopo 15 minuti Allegri inserisce Niang per un opaco faraone che si dirige stizzito verso gli spogliatoi e questa è davvero una notizia; ma il cambio sembra davvero azzeccato visti i pericoli che il francese crea sulla fascia sinistra. E’ proprio lui a servire un pericoloso pallone in mezzo su cui Aronica rischia l’autogoal, Sorrentino respinge corto e Balotelli segna la sua seconda doppietta in rossonero. Nel finale entra un impalpabile Traorè al posto di Boateng, da segnalare solo una punizione sempre di superMario che sfiora il palo. Finisce 2 a 0 per il Milan, con il Palermo che non recrimina per il rigore abbastanza generoso, ma per il fallo di mano di Zapata per cui chiedevano il rosso diretto; anche se la decisione dell’arbitro appare corretta.
Luci: Balotelli è il man of the match, con i suoi 7 goal in 6 partite regala 3 punti decisivi per il Milan che per alcuni minuti ha sognato l’aggancio al secondo posto del Napoli; oltre ad essere sempre decisivo oggi regala al pubblico alcune belle giocate soprattutto nel primo tempo. Autore di una splendida partita è Montolivo, vero padrone del centrocampo per tutta la partita non sbaglia nemmeno un passaggio e si fa trovare pronto sia in attacco che in difesa.
Ombre: El Shaarawy dimostra di pagare la batosta di Barcellona ed esce molto arrabbiato dal campo al momento della sostituzione, comportamento che non è proprio da lui. I 2 centrali di difesa dimostrano insicurezza,ma visto lo sterile attacco del Palermo sono più i problemi che si sono creati da soli piuttosto che reali azioni d’attacco degli ospiti.
Quello che verrà: I ragazzi di Allegri erano attesi al varco e dopo la sconfitta di Barcellona si aspettavano in molti uno stop anche in campionato. Il Milan però non delude i propri tifosi, nonostante il poco ritmo consolida il 3° posto con 3 punti di vantaggio sulla fiorentina e si lancia ufficialmente alla rincorsa del secondo posto. Dopo la pausa i rossoneri andranno a Verona contro un Chievo forte degli ultimi 6 punti in 2 partite e si sa che quello di Verona è storicamente un campo ostico per il Milan. In caso di vittoria però  il Napoli inizierà a pensare più a difendere la sua posizione piuttosto che provare a star dietro ad un’irraggiungibile Juventus.
Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...