Archivi tag: cremona

Calcioscommesse: controlli su dirigenti ed allenatori di A

Standard

3910794477

Giorni caldi in quel di Cremona. Dopo l’arrivo dello zingaro Admir Sulic ieri mattina a Milano, oggi il PM Di Martino ha richiesto una proroga alle indagini per poter effettuare nuovi controlli su 44 indagati. Tra i nomi più importanti spiccano di nuovo quelli di Signori, Doni, Bellavista e Bettarini.

Grazie ad una rogatoria ungherese si dovrà spiegare cosa è accaduto in determinate partite già sotto la lente d’ingrandimento degli inquirenti, mettendo sotto controllo più di 200 apparecchiature informatiche per nuovi accertamenti sui tabulati.

Sono avvenute di recente nuove iscrizioni. E’ ancora in corso di identificazione un personaggio che teneva i contatti tra il sodalizio e dirigenti e tecnici delle squadre di A e che pretendeva per le sue prestazioni somme dell’ordine delle centinaia di migliaia di euro a partita” così spiega il tutto il PM Di Martino, lasciando presagire un nuovo scossone nelle indagini.

Redazione Social Football

Calcioscommesse: Gegic ancora in carcere

Standard

gegic3

La richiesta di scarcerazione per Almir Gegic, avviata dal suo avvocato Roberto Brunelli, è stata respinta questa mattina dal Tribunale di Brescia. L’ex giocatore del Chiasso martedì scorso aveva ammesso, davanti alla procura di Cremona, di aver conosciuto Mister X in due occasioni. Proprio per questo il PM Di Martino ha la certezza che il serbo abbia ancora altri dettagli da raccontare, e che la sua collaborazione fino ad ora è stata solo parziale.

Il legale del calciatore sta aspettando le motivazioni del provvedimento per poi fare ricorso in cassazione.

Redazione Social Football

Calcioscommesse. Gegic: la carcerazione preventiva si allunga. Secondo Di Martino mente sulla Lazio e su Mauri

Standard

gegic3

Si è consegnato alle autorità italiane il 26 Novembre scorso, e nonostante i 3 interrogatori sostenuti, la sua detenzione preventiva rischia di allungarsi e potrebbe andare avanti ancora per svariati mesi. Il motivo? Non avrebbe raccontato la verità su molti passaggi chiave, soprattutto su Lazio-Genoa, Lecce-Lazio e sui calciatori intorno ai quali ruotano queste partite, cioè Stefano Mauri, Omar Milanetto e Giuseppe Sculli.

Secondo “Gazzetta dello Sport”, il serbo negli interrogatori ha spesso usato come scudo l’altro latitante Ilievski, il capo del gruppo degli zingari. Quando Di Martino gli ha chiesto di Lazio-Genoa, la risposta è stata: ” Non so nulla della combine: può darsi che l’abbia fatta Ilievski, ma con me non ha parlato”. Gli inquirenti però, hanno riscontri diversi rispetto a questa versione dei fatti dal momento che prima di salire sull’aereo che lo porterà a Roma per incontrare Zamperini, per poi recarsi a Formello da Mauri e successivamente nel ritiro del Genoa, Ilievski avrebbe telefonato proprio a Gegic, intorno alle 6 del mattino. Un orario insolito, secondo gli investigatori, per darsi il buongiorno. Nelle ore successive Ilievski sente altre volte il socio e sempre nei momenti considerati cruciali. Appare quindi insensata la linea difensiva di Gegic, secondo la quale lui sarebbe all’oscuro di tutto, a maggior ragione se, in uno degli interrogatori lo zingaro dichiara di non conoscere Zamperini, mentre risulterebbe esserci almeno una telefonata tra i 2.

Il Pm Di Martino fa capire come gli scenari siano in movimento: ” Il lavoro della Polizia è stato ottimo. Ora stiamo approfondendo alcuni aspetti, ma presto tireremo le fila”. Su Mauri e il ritardo della giustizia sportiva: “Ognuno è responsabile del proprio campo. Non credo che la procura federale voglia minimizzare il caso, semmai aspetta sviluppi. Sa che ci sono questioni importanti in arrivo per quel filone”. 

 

Redazione Social Football

Gegic, per il momento un buco nell’acqua

Standard

gegic

Doveva essere la svolta. Quando lo scorso 26 Novembre Almir Gegic, uno dei capi della così detta “banda degli zingari” si è costituito, si era convinti di aver trovato il bandolo della matassa. Ne era certa soprattutto la Procura di Cremona, nella persona di Roberto Di Martino, il Pm dinanzi al quale l’ex latitante ha cominciato a raccontare la sua verità durante il primo interrogatorio. Sotto torchio per molte ore, ma evidentemente poca collaborazione, dal momento che da fonti investigative, come scrive Francesco Ceniti della Gazzetta dello Sport, arrivano spifferi di nessuna rivelazione importante, ma solo conferme di fatti secondari. Avrebbe fatto i nomi dei “soliti noti”, da Gervasoni a Carrobbio, da Pellicori a Fissone, da Cassano a Joelson e indicato qualcuno della banda degli ungheresi, probabilmente Strasser. Troppo poco. La strada, però, è ancora lunga, oggi c’è il secondo round.

Da Cremona si aspettano ovviamente maggiore collaborazione, anche perché in caso contrario, la detenzione del serbo si allungherebbe notevolmente.

Mister X: secondo gli investigatori le parole di Gegic saranno determinanti per incastrare questo fantomatico Mister X, che comprava informazioni sulle combine per poi rivenderle al miglior offerente. Le prossime settimane saranno decisive anche per capire se la persona ricercata abbia un complice.

Oggi alle 10 circa la seconda ripresa, saranno prese in esame le singole partite, presumibilmente anche Lazio-Genoa e Lecce-Lazio. Un altro buco nell’acqua sarebbe un fallimento.

Redazione Social Football

Calcioscommesse: Sculli e Mauri da Palazzi

Standard

Si riaprono gli interrogatori relativi al calcioscommesse.

Oggi è il giorno di Sculli, Mauri, Milanetto e Massimo Papola, massaggiatore della Lazio, convocati per fare chiarezza sull’ormai famoso Lazio-Genoa del 14 Maggio 2011, finito 4-2 per i biancocelesti, su cui sta lavorando da tempo la Procura di Cremona.

Per Giuseppe Sculli, ai margini del progetto Lazio, è stato un interrogatorio lampo; entrato alle 9, dopo mezz’ora si trovava già fuori dagli uffici federali cercando di sviare le domande dei giornalisti. L’unica dichiarazione è stata quella rilasciata dal suo avvocato Paolo Rodella: “Non abbiamo detto nulla. Perché? E’ un nostro diritto“, facendo capire che non c’è stata molta collaborazione da parte del giocatore calabrese.

A breve verranno ascoltati Stefano Mauri e Omar Milanetto.

Seguono aggiornamenti

Redazione Social Football

Web tv, Michele Plastino sullo strano caso di Genoa-Sampdoria

Standard

Durante la settimana è stato pubblicato sulla nostra Web Tv un intervento di Michele Plastino sul calcioscommesse, in cui porge un interrogativo legato alle assoluzioni dei giocatori in merito al discusso derby Genoa-Sampdoria.

Per guardare, vai sulla web tv, sezione “scommesse”.
Link http://213.175.198.64/~tv3/socialfootball.it/index.php

Esclusiva da Cremona: Strasser si costituisce

Standard

 

Il gruppo degli ungheresi inizia a traballare.

 

di Michele De Angelis

Ci è appena giunta in redazione, da fonti molto vicine alla Procura di Cremona, la notizia che l’ungherese Laszlo Strasser avrebbe deciso di costituirsi.

Il componente del clan degli ungheresi dovrebbe arrivare a Cremona in serata. Il Gip avrebbe già fatto sapere di volerlo ascoltare direttamente lunedì.

Le sue dichiarazioni potrebbero costituire un’altra svolta nelle indagini di quella che sta diventando la procura fondamentale nell’ambito del calcioscommesse.

Seguono aggiornamenti.